10 vantaggi competitivi che potrai dare ai tuoi componenti in serie, grazie a quel cambiamento che stai rimandando da tempo

Quando si parla di produzione di componenti in serie, noto sempre un certo timore all’idea di un cambiamento.

 Il dubbio, spesso, è se cambiare o meno fornitore, ma in alcuni casi ci si rende conto che sarebbe meglio modificare anche la tecnologia produttiva e il materiale di lavorazione, per ottenere finalmente i risultati sperati.
produzione componenti in serie

Eppure, dinanzi a queste scelte, molti imprenditori - o responsabili del processo - precipitano in uno stato di “ansia da cambiamento”.

È per questo motivo che alcune aziende continuano a collaborare con dei fornitori che magari hanno conosciuto 20 anni prima, oppure si ostinano ad utilizzare “quasi per inerzia” i materiali di sempre, pur non essendo soddisfatte delle prestazioni e non sentendosi allineate con le esigenze del mercato.

Questo perché temono di aggravare la situazione e cambiare “in peggio”.

Ma continuano, nel frattempo, a lamentarsi dei risultati ottenuti.

Quello che oggi vorrei dirti, perciò, è…

Non commettere lo stesso errore anche tu.

“ Se fai sempre le stesse cose otterrai sempre gli stessi risultati” (Einstein)

Se non sei soddisfatto della qualità dei tuoi articoli prodotti in serie, non potrai mai migliorarli finché continuerai a seguire la stessa strada che hai percorso fin’ora.

La concorrenza cerca soluzioni ogni giorno sempre più performanti e la tua azienda deve saper stare al passo, è ovvio.

Cambiare i materiali che stai utilizzando per i tuoi componenti potrebbe migliorarne notevolmente le caratteristiche.

Cambiare tecnologia di produzione potrebbe aiutarti a realizzare quell'articolo dal design complesso che avevi accantonato nel cassetto dei desideri.

Mentre cambiare fornitore potrebbe aiutarti a risolvere le problematiche di cui ti sei sempre lamentato: tempistiche di consegna non rispettate, scarti eccessivi, componenti non perfettamente identici tra di loro, materiali di bassa qualità, ecc.

E in più, un nuovo fornitore potrebbe stimolarti a trovare nuove idee di progettazione.

E se non te la senti di rischiare, allora non farlo.

Se scegli un professionista del settore, qualificato e specializzato otterrai le certezze che stai cercando. E non rischierai nulla.

Gran parte dei miei clienti, prima di iniziare a collaborare con me, non erano soddisfatti della loro produzione in serie.

Chi si lamentava dei costi elevati dovuti a stampi mal progettati, che si rompevano dopo neanche un anno di utilizzo.

Chi si arenava con consegne ritardate a causa di processi mal strutturati.

Chi si ritrovava tra le mani progetti su carta che non erano poi applicabili in fonderia.

E questi sono solo alcuni esempi.

Poi si rivolgevano a me per riparare i danni causati dagli altri e quando suggerivo delle piccole ma indispensabili modifiche al processo, la risposta era sempre la stessa:

Eh, ma abbiamo fatto sempre così…non me la sento di cambiare…”.

Il risultato?

Il problema si ripresentava, e loro correvano da me.

Ma questa volta per sempre.

Non perché io sapessi fare dei miracoli, figuriamoci.

Ma per il semplice motivo che sono un professionista e so dove mettere mano quando c’è da risolvere un problema. 

Non smetto mai di studiare ed implementare le mie conoscenze nel settore.

(Va bene, lo ammetto: ho il chiodo fisso dei “corsi”. Ne frequento in continuazione e più mi informo, più sono curioso di volerne sapere ancora di più).

Ma soprattutto sono specializzato, quindi conosco a perfezione tutte le potenzialità ed i limiti della pressofusione a camera calda per lavorare la zama.

E proprio per questo so bene come poter migliorare un articolo prodotto in serie, sfruttando le caratteristiche delle leghe di zinco secondo le esigenze del mio cliente.

Vorresti migliorare la tua produzione di componenti in serie, ma non sai da che parte incominciare?

e troveremo assieme la strada migliore da percorrere per ottimizzare l’intero processo produttivo dei tuoi pezzi.

Se a questo punto ti stai chiedendo come potresti migliorare la tua produzione di articoli in serie, scegliendo la zama, ecco per te: 

10 vantaggi competitivi che puoi dare ai tuoi componenti in serie scegliendo la pressofusione a camera calda della zama

Scegliendo la tecnologia della pressofusione a camera calda con la zama, i tuoi componenti avranno fin da subito una marcia in più.

Questo perché andrai a :

  1. 1
    Migliorare le caratteristiche meccaniche. 
    I componenti pressofusi in zama hanno proprietà meccaniche superiori a quelle realizzate con altri materiali pressofusi. Per fare un esempio, l’allungamento % e la resistenza risultano essere doppie rispetto ad alcune leghe di alluminio pressofuso.La capacità di resistenza all’urto è invece 10 volte maggiore di alluminio e magnesio.
  2. 2
    Mantenere i pezzi stabili nel tempo.
    Le leghe di zinco hanno un ritiro molto stretto e regolare nel tempo.Una volta raffreddato, il pezzo pressofuso raggiunge una stabilità dimensionale che resterà tale o subirà delle variazioni davvero impercettibili.Al contrario, i materiali plastici subiscono dei ritiri dimensionali graduali e prolungati nel tempo.
  3. 3
    Puntare sulla precisione.
    Grazie alla stabilità mantenuta nel lungo periodo, potrai realizzare componenti con tolleranze molto strette e sformi molto bassi o addirittura assenti.
  4. 4
    Offrire ottime capacità di conduzione termica ed elettrica.
    Lo zinco ha ottime proprietà di trasmissione termica ed elettrica.
    Puoi perciò produrre i tuoi componenti anche per i settori che richiedono queste caratteristiche, senza la necessità di assemblare ulteriori elementi specifici.
  5. 5
    Proporre un plus di schermatura elettromagnetica.
    Le leghe di zinco sono ottime per i componenti elettronici che devono venir protetti da radiazioni ed interferenze elettromagnetiche.
    Grazie a questo, si possono risparmiare tempo e denaro già in fase di produzione, perché non sono necessari ulteriori trattamenti conduttivi a base di rame.
  6. 6
    Arricchirli con la proprietà antifrizione.
    La capacità auto-lubrificante della zama è un’ ulteriore caratteristica che può rendere i tuoi componenti utili anche in quei settori dove è richiesta una ridotta aderenza.
  7. 7
    Aggiungere un effetto antivibrante e la capacità di smorzamento.
    In particolare la capacità di smorzamento è 4 volte superiore a quella dell’alluminio e 2 volte superiore all'acciaio.
  8. 8
    Aumentare la resistenza alla corrosione.
    Questa proprietà rende la zama adatta alla progettazione di componenti a contatto con prodotti petroliferi.
    La resistenza può essere poi incrementata con ulteriori trattamenti galvanici.
  9. 9
    Garantire un alto grado di qualità percepita al tatto.
    Per spiegarti cosa intendo con “qualità percepita al tatto”, immagina di vedere un componente cromato, all'apparenza solido e ben costruito. Ma toccandolo, ti rendi conto che è realizzato con la plastica.
    Immagina ora di stringere tra le mani lo stesso pezzo cromato e di percepire la sensazione di robustezza e l’inconfondibile temperatura del metallo.
    È probabile che seguendo le tue sensazioni, l’idea che ti farai su quel secondo componente è che sia di qualità superiore rispetto al primo.
  10. 10
    Migliorare la sicurezza intrinseca del componente.
    Se consideriamo tutti i metalli lavorabili con la tecnica di pressofusione, lo zinco è quello con minore probabilità di rischio di esplosione.
    La zama, perciò, è un materiale molto sicuro da lavorare e affidabile nel tempo.
    Per questo viene spesso utilizzata in settori ad alto rischio, come quello petrolchimico e minerario.

Ora che hai scoperto i principali plus qualitativi che puoi aggiungere ai tuoi componenti in serie grazie alla lavorazione in zama, non ti resta che immaginare tutti i benefici che otterresti per l’intera tua produzione.

Se vuoi scoprire anche gli altri vantaggi che offre la pressofusione a camera calda della zama e valutare assieme a me la fattibilità del processo

e analizzeremo assieme le tue esigenze produttive, trovando la strada migliore da percorrere per ottimizzare l’intero processo produttivo dei tuoi componenti in serie.

Condividi questo articolo con tutti i tuoi amici e colleghi, in modo da contribuire a diffondere la conoscenza sulla zama.

"Maneggio la Zama sin da bambino e me ne occupo professionalmente a tempo pieno a partire dal lontano 1992.
Amo aiutare aziende, tecnici e progettisti a trasformare le loro idee ed i  loro progetti in componenti pressofusi in zama."

Alberto Giretti

>