Zama Solutions: il blog sulla pressofusione in zama

Zama Solutions è una risorsa online ideata e creata per aiutare progettisti e utilizzatori di componentistica a capire e preferire la zama, che altro non è che una lega di zinco.

Se escludiamo qualche piccola pagina informativa creata da qualche operatore del settore, sull’ argomento in italiano esiste ben poco. Ed è per questo che, avendo ad oggi maturato circa 25 anni di esperienza diretta in questo campo, ho deciso di mettere ordine a tutte le cose che ho in testa e renderle pubbliche, per far sì che le aziende possano sempre più apprezzare la zama e sceglierla come materiale di base per i propri componenti.

"Maneggio la Zama sin da bambino e me ne occupo professionalmente a tempo pieno a partire dal lontano 1992.
Amo aiutare aziende, tecnici e progettisti a trasformare le loro idee ed i  loro progetti in componenti pressofusi in zama."

Alberto Giretti

Zama Solutions non è per gli operatori del settore della pressofusione in zama, che generalmente sanno fare perfettamente il proprio lavoro. E' per chi usa la zama come materiale per i propri componenti o vorrebbe farlo. Se finora non hai trovato le informazioni necessarie per capire se la zama per i tuoi componenti è la scelta giusta, oggi è il tuo giorno fortunato, perché qui troverai tutte le informazioni che ti servono.

In Zama Solutions approfondiamo le potenzialità di questo materiale a tutto tondo. Gli argomenti si riassumono principalmente in queste categorie:

  • Le leghe di zinco Vs. gli altri materiali
  • La tecnologia della pressofusione della zama
  • La progettazione ottimizzata dei componenti
  • Lo stampo
  • Gli aspetti tecnico-economici della produzione massiva dei componenti pressofusi in zama
  • Molto altro ancora

Sicuramente questi contenuti ti daranno consapevolezza e conoscerli ti sarà di grande aiuto nel momento in cui dovrai scegliere come industrializzare i componenti dei tuoi prodotti.

Ti invito sin da ora a commentare attivamente gli articoli, chiedendomi tutto quello che ritieni necessario per poter apprendere e sfruttare al meglio le potenzialità delle leghe di zinco.

A proposito, hai già scaricato la nostra guida gratuita?

Inoltre, se hai una domanda inerente la zama e/o il suo utilizzo, ma non hai trovato qui la risposta che cercavi, allora scrivimi su info@zamasolutions.it e sarò felice di darti personalmente la risposta che cercavi.

Se l’argomento richiesto non sarà troppo specifico, se non ci sono problemi di privacy e se sarà di interesse generale, molto probabilmente prenderò spunto dalla tua domanda anche per pubblicare un articolo in cui potrò andare più nel dettaglio.

Chi c'è dietro Zama Solutions?

Il creatore di Zama Solutions sono io, Alberto Giretti. Maneggio la zama sin da bambino e me ne occupo professionalmente a tempo pieno dal lontano 1992.

I miei primi incontri con componenti stampati in zama li ho avuti alla tenera età di circa 7-8 anni. Era il 1980 e a mio padre venne affidata la commessa per la produzione di un componente automotive, che poi scoprii venire usato sul meccanismo di apertura delle portiere di una famosa vettura che a cavallo degli anni 80-90 spopolava nei mondiali Rally e che oggi è un vero e proprio modello da collezione: la Lancia Delta.

Componenti in zama su maniglia Lancia Delta

L' interno della maniglia della Lancia Delta. Qui sono visibili i componenti in zama che maneggiavo da bambino

Non capivo il perché, ma i pezzi destri e i sinistri venivano stampati assieme, con il risultato che dopo la fase di pressofusione c’erano sempre montagne di pezzi da dividere. Oggi lo reputerei un lavoro terribilmente noioso, ma da bambino, quando mia mamma mi portava in officina dal babbo, mi mettevo lì e mi divertivo a dividere un po’ di quei pezzi: destri da una parte, sinistri dall’ altra.

Inoltre, ero anche molto affascinato da quelle “macchine da fondere”, che un nostro affezionato cliente già all’ epoca soprannominò “Le affetta salami”, perché il movimento meccanico caratteristico di quelle presse, assomigliava vagamente a quello di una grossa affettatrice.

Negli anni, parallelamente al procedere degli studi, aumentava in me la voglia di contribuire alla piccola attività di mio padre, tanto da decidere di interrompere il percorso accademico una volta diplomato come perito tecnico, preferendo la pratica in azienda all’ eventuale percorso universitario successivo.

Il disegno tecnico è stato da sempre la mia vera passione e, poterlo applicare per qualcosa di produttivo, mi diede da subito grandissime soddisfazioni personali.

Quel qualcosa furono gli stampi per la pressofusione di componenti in zama. Negli anni ne ho progettati diverse centinaia.

Vedere realizzati i miei progetti, mi diede ancora più voglia di crescere e di passare al livello successivo. Questo arrivò intorno al 2003, quando decidemmo di passare completamente alla progettazione in 3D.

In quel frangente mi si aprì un nuovo mondo. Il livello di analisi e di complessità dei prodotti fattibili, si alzò di molto. Incominciai anche ad elaborare il mio personale sistema di ottimizzazione dei vari componenti che mano a mano i clienti ci sottoponevano.

Per me era abbastanza semplice, perché parte del mio tempo lo passavo anche in officina a smanettare sulle macchine utensili per fare gli stampi, ma soprattutto in fonderia a fare produzione. Proprio grazie all’ attenta osservazione delle presse e degli stampi in produzione, spesso mi sono venute le migliori idee da applicare nei progetti successivi.

Infatti, vedendoli funzionare quotidianamente in fonderia, certi errori li ho corretti fin da subito sul campo. La mia maturazione è stata facilitata proprio dalla possibilità di poter vedere quotidianamente il ciclo completo aziendale, che ancora oggi parte dalla progettazione dello stampo e arriva alla produzione dei componenti pressofusi finiti.

Questa esperienza la metto quotidianamente a disposizione dei miei clienti. Infatti, io amo aiutarli a sviluppare e migliorare i loro prodotti e sovente le commesse ci vengono affidate proprio perché siamo in grado di dare loro questo plus, che è molto apprezzato. Per me non è un lavoro, è una vera passione.

Se hai delle domande o vuoi mandarmi un tuo feedback, scrivimi su info@zamasolutions.it

Buona lettura su Zama Solutions

Alberto Giretti